Menu

Sant'Anatolia di Narco- Castel San Felice

Sant'Anatolia di Narco- Castel San Felice

Overview

E' un antico borgo che sorge sulle sponde del fiume Nera al centro della Valnerina in uno splendido scenario incontaminato cinto da mura trecentesche e dominato da due torrioni del quattrocento. Qui vissero gli Etruschi, come testimoniano vasellame e ornamenti funerari, oggi esposti al Museo Archeologico di Firenze.  La chiesa parrocchiale di Sant'Anatolia contiene pregevoli affreschi del XIV secolo. Di grande interesse artistico è anche l'oratorio di Santa Maria delle Grazie in stile rinascimentale. A Sant'Anatolia  è attivo dal 2008 il Museo della Canapa, che ha sede nel cinquecentesco palazzo comunale e costituisce una delle antenne dell’ Ecomuseo della Dorsale Appennica Umbra. Esso ripercorre le vicende dello sviluppo di tale coltivazione nei secoli nella media Valnerina. A pochi km di distanza da Sant'Anatolia sorge la piccola frazione di Castel San Felice. L'impianto urbano è tipico dei castelli arroccati sulla sommità di un colle e cioè con strade anulari concentriche ed intersecate da vicoli radiali molto ripidi, completamente cinto da mura e con tre porte di accesso, ma ciò che ha reso famoso questo piccolo borgo è l'Abbazia di San Felice che sorge ai piedi del paese.
L'Abbazia di San Felice e Mauro è un complesso abbaziale benedettino costruito nel sec. XII, sulle tombe dei santi anacoreti Felice e Mauro.
La bellissima facciata è uno dei migliori esempi del romanico spoletino, con portale lunettato, bifore e rosone sopra un fascione scolpito con le storie di san Felice; sul retro si eleva una possente torre campanaria, che in origine era parte della fortificazione. L’interno è a una sola navata e termina con l’abside. Sotto l'abside c'è una cripta a due navatelle con absidiole, divise da colonna dove si conserva il sarcofago in pietra contenente le spoglie dei santi.
Di fianco alla chiesa si trova l’abbazia benedettina, costruita intorno ad un ampio cortile.
L'intero complesso è stato oggetto di un accurato restauro che ha ripristinato tutti gli ambienti monastici, il cortile, la sorgente miracolosa e la prima grotta eremitica, il tutto da destinare come centro di accoglienza religiosa.
Nei pressi dell'abbazia si trova un ponte medioevale che attraversa il fiume Nera immettendosi nella vecchia strada della Valnerina, poco discosta c'è l'osteria, un tempo usata dai viandanti, attualmente ristrutturata a cura della Comunità Montana della Valnerina.

Dove Dormire

Agriturismo Sant'Anatolia di Narco
Agriturismi, Hotel, Centri Benessere a Sant'Anatolia di Narco, Spoleto, Valnerina, Umbria

Torna in alto
Info for bonus Review William Hill here.

Italia

Mondo

Africa
America Centrale
America Meridionale
America Settentrionale
Asia
Europa
Oceania

Diari di Viaggio

  • Los Angeles
  • San Francisco
  • Oklahoma City
  • Colorado Springs
  • New Orleans
  • Saint Louis
  • Saint Petersburg
  • Berlin
  • Moscow
  • Sydney

Strumenti

About Us

Follow Us